Toscana

La Toscana è per il vino una delle più importanti regioni italiane, famosa nel mondo per le sue celebri etichette. Il patrimonio vitivinicolo della Toscana comprende ben 11 denominazioni di origine controllata e garantita (DOCG), 41 denominazioni di origine controllata (DOC) e 6 indicazioni geografiche tipiche (IGT). Tra i vini più significativi, Brunello di Montalcino, Vino Nobile di Montepulciano, Chianti Classico e i Supertuscan prodotti nella zona di Bolgheri. Il Sangiovese è il protagonista indiscusso dei vini rossi della Toscana, e lo ritroviamo nelle tipologie di vino di quasi tutte le denominazioni, con connotazioni e sfumature diverse a seconda dello stile e del territorio di provenienza.

In Toscana vengono coltivati soprattutto vitigni a bacca nera (circa l’85% della superficie vitata), tra i quali il Sangiovese (e le sue varianti), il Canaiolo nero, il Ciliegiolo. Il vitigno a bacca bianca più diffuso in Toscana è il Trebbiano Toscano, seguito dalla Malvasia Bianca Lunga, la Vernaccia di San Gimignano, l’Ansonica. Anche lo Chardonnay, con cui producono vini bianchi spesso maturati in Barrique, ha una buona diffusione. La notorietà dei Supertuscans ha introdotto in Toscana altri vitigni a bacca nera internazionali tra cui il Cabernet Sauvignon, il Merlot, Pinot Nero e Syrah. Anche per lo stesso Chianti si usano sempre più spesso, oltre al Sangiovese, il Cabernet Sauvignon e il Merlot.

Prodotto Carta dei vini

Visualizzazione del risultato